Espresso Perfetto: qual è la temperatura ottimale della tazzina e come ottenerla?

L’Espresso Perfetto – Capitolo 4: Setup della workstation [VIDEO]
16 gennaio 2019
Barista: pulizia del bancone
Caffè Espresso: come tenere pulita la tua postazione di lavoro
6 marzo 2019
torna al blog

Espresso Perfetto: qual è la temperatura ottimale della tazzina e come ottenerla?

Espresso Perfetto: qual è la temperatura ottimale della tazzina da caffè

Sbagliare la temperatura della tazza con un cliente spesso ti segna per molto tempo.
“Ahi, la tazza scotta!”, oppure “Mmmmh il caffè è un po’ freddo…”. Un’esclamazione del genere e non rivedi più il tuo cliente per chissà quanto tempo.

Ma qual è la temperatura ottimale della tazzina?
Partiamo con il dire che la temperatura ottimale si aggira intorno ai 40°C, quindi il nostro obiettivo è servire un espresso in tazze che oscillano tra i 35-45°C.

Come ottenere la temperatura ottimale della tazzina? Alcune linee guida
Non conoscendo nel dettaglio ogni macchina da caffè, e non sapendo quale usi nel tuo locale, posso darti alcune linee guida valide per molte delle macchine da caffè oggi in commercio.
Generalmente il calore è fornito dalla dissipazione del calore della caldaia, perciò, guardando la macchina dall’alto, sappiamo che le fasce laterali, quelle a ridosso dei lati della macchina, sono le più fredde, mentre la parte centrale e quella in fondo sono le più calde: a volte una tazza può raggiungere addirittura i 70°.
Molto importante è la zona più vicina all’operatore che generalmente copre due/tre file di tazze. Questa zona dovrebbe essere mantenuta alla temperatura ottimale proprio per garantire una presa agevole e veloce, anche senza guardare!

Come ottimizzare la posizione delle tazzine? Il mio consiglio
Individua a che profondità le tazze raggiungono la giusta temperatura, quindi forma due file e inserisci il resto delle tazze dietro. Puoi anche impilare le tazze a due livelli fin dalla terza fila.
Se guardi le tazze orizzontalmente, puoi ottimizzare la posizione a seconda del momento della giornata: alla mattina gestirai un numero di tazze da espresso e cappuccino congruo a fare fronte alla grande richiesta che sicuramente devi gestire. Dopo pranzo, quando tendenzialmente la richiesta di cappuccini diminuisce sensibilmente e aumenta invece quella degli espressi, puoi sostituire alcune file di tazze da cappuccino con tazze da espresso.

Metti in pratica queste piccole accortezze e sarai pronto ad affrontare qualsiasi tipo di richiesta… o quasi!

Ah, a proposito di tazzine, secondo te il caffè espresso è più buono bevuto in tazzina o al vetro? Ne avevo già parlato in questo articolo!

Lascia un commento