#RomcaffèQuiz: Arabica e Robusta, le specie di caffè più coltivate al mondo.

#RomcaffèQuiz: crema espresso chiara e percolazione veloce. Quali potrebbero essere le cause? Rispondiamo!
6 marzo 2018
torna al blog

#RomcaffèQuiz: Arabica e Robusta, le specie di caffè più coltivate al mondo.

Nuovo appuntamento con il #RomcaffèQuiz sulla nostra pagina Facebook.
Stavolta la domanda è stata: “Quali sono le due specie di caffè più coltivate al mondo?”.

Ecco lo screenshot del post Facebook:

Grazie a chi ha partecipato!

Entriamo ora nel merito della risposta
La produzione mondiale di caffè avviene prevalentemente sugli altopiani tropicali nei pressi dell’Equatore, in America Latina, Africa e Asia. Questa diffusione è stata possibile grazie all’introduzione di specie vegetali non indigene in diverse parti del mondo ad opera dei primi esploratori europei.

Nel mondo, le specie di caffè più coltivate sono due: Arabica e Robusta.
Vediamo nel dettaglio le loro peculiarità.

Arabica
Nome scientifico: Coffea Arabica.
Anno di descrizione della specie: 1753.

È una pianta piuttosto delicata. Alta da 3 a 5 metri, cresce a quote comprese tra i 900 e i 2000 metri di altitudine, con temperature che variano dai 15 ai 24 gradi.
Il tempo di maturazione delle sue drupe è di 8 mesi.

A livello genetico è caratterizzata da 44 cromosomi ed è una specie autogama, ovvero capace di “autoimpollinarsi”.
Prospera facilmente in America Centrale e in Sudamerica, ma anche nelle coste orientali dell’Africa.

I suoi chicchi sono affusolati e mostrano una forma allungata, ovale.
Contiene un tasso di caffeina minore rispetto a quello della Robusta.
Il caffè che regala è aromatico e profumato, delicato e morbido, quasi dolce e lievemente acidulo.

Robusta
Nome scientifico: Coffea Canephora.
Anno di descrizione della specie: 1895.

È una pianta piuttosto resistente. Può raggiungere i 13 metri di altezza anche se nelle piantagioni non supera i 3 metri. Cresce  in una fascia compresa tra i 200 e i 600 metri di altitudine e predilige temperature abbastanza elevate e costanti, tra i 24 e i 29 gradi.
Il tempo di maturazione delle sue drupe è di 10 mesi.

A livello genetico è caratterizzata da 22 cromosomi ed è una specie allogama, ovvero sono necessarie due piante per l’impollinazione e la riproduzione.
Prospera in Brasile, in Africa e nel Sud-Est Asiatico.

I suoi chicchi hanno una forma arrotondata, con un solco centrale più o meno regolare.
Contiene un tasso di caffeina maggiore rispetto a quello dell’Arabica.
Caffè dal gusto deciso e ricco, con un aroma intenso e persistente, corposo e “cioccolatoso”.

Lascia un commento