Espresso Perfetto: meglio una macinatura fine o più grossolana?

Preparazione Espresso: la Macinatura del caffè
L’Espresso Perfetto – Capitolo 2: la Macinatura [VIDEO]
18 aprile 2018
torna al blog

Espresso Perfetto: meglio una macinatura fine o più grossolana?

Ottenere l’Espresso Perfetto richiede la sapiente esecuzione di vari passaggi. Eseguire una corretta macinazione dei grani è certamente una delle azioni fondamentali per riuscire a estrarre i giusti aromi e colori.

Dilemma
Pressare meno e tenere la macinatura più fine oppure pressare con più forza una macinatura più grossolana?
Una questione che può essere affrontata da diversi punti di vista.

Dal punto di vista della tua salute
Pressare con meno forza preserva da sforzi fisici ripetuti e quindi dannosi.

Dal punto di vista tecnico
La macinatura più fine sicuramente garantisce una maggiore estrazione sia in termini aromatici che di corposità in tazza. Ciò è dovuto alla maggiore superficie a contatto con l’acqua.
Fai molta attenzione alla quantità di caffè messa nel filtro in relazione alla quantità di caffè estratto in tazza!

Tostatura scura e tostatura chiara
Cosa succede invece quando passi da un caffè con una tostatura più scura a un caffè con una tostatura più chiara?

Facciamo una premessa
La macinatura è influenzata da molti fattori quindi se volessimo paragonare diversi gradi di tostatura dovremmo utilizzare lo stesso caffè, ma in questo articolo, non volendo analizzare la cosa su un piano scientifico, affrontiamo l’argomento a semplice titolo di curiosità.

Quindi, per ottenere lo stesso tempo di percolazione in relazione alla quantità in tazza, quando passi da una tostatura scura a una più chiara, devi stringere la macinatura (Fine). Viceversa, passare da una macinatura più chiara a una più scura comporterà un allargamento delle macine (Grosso).
Questo succede perché la tostatura scura rende più fragili i chicchi e quindi la rottura del chicco comporta la formazione di un numero maggiore di pezzettini, fini e finissimi, rispetto a una tostatura chiara.

Un esempio
Se prendi un chicco più scuro e lo tagli con un coltello, noterai che si formeranno molti frammenti di caffè fini e finissimi. Se invece il chicco è più chiaro, tagliarlo con il coltello produrrà meno frammenti.
Nelle macine succede la stessa cosa!
Prova a rompere con le dita un chicco scuro: vedrai che sarà molto più semplice rispetto a quanto sarebbe rompere un chicco più chiaro.

Consiglio
Anche per questo motivo è auspicabile avere una miscela di caffè con un colore quanto più possibile omogeneo, in modo tale da evitare caffè detti “arlecchino”.

Comments are closed.